Apice

Salari non pagati, lavoratori in catene

Decine di salari arretrati, addirittura per alcuni fino a quaranta, e stagionali non ancora assunti: sono le due ragioni che hanno spinto questa mattina i lavoratori del Consorzio di Bonifica Aurunco - ente pubblico che si occupa di irrigazione e bonifica dei terreni, in particolare agricoli, nella piana del Garigliano, tra il Casertano e il Basso Lazio - a incatenarsi davanti all'ingresso degli uffici, a Sessa Aurunca (Caserta). Ventidue i dipendenti a tempo indeterminato del Consorzio, che avanzano dalle venti alle quaranta mensilità; a causa delle difficoltà economiche dell'ente, che ha debiti per decine di milioni di euro dovuti - secondo quanto sostengono - anche ad una forte evasione da parte dei contribuenti - ovvero agricoltori ma anche Comuni - non sono stati assunti i 70 lavoratori stagionali, alcuni dei quali hanno preso parte alla protesta, mentre la campagna di irrigazione dei fondi agricoli non è ancora partita. Peraltro l'ente è stato commissariato dalla Regione nel 2011, e lo è ancora.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie